DIFFERENZE TRA IL LATTE MATERNO E QUELLO VACCINO

Poche sono ormai le persone che non conoscono i numerosissimi benefici del latte materno. Migliaia, infatti, sono gli studi condotti in questi anni a tal proposito. Ma perché il latte vaccino è così diverso? Il latte vaccino viene modificato per renderlo simile al latte materno secondo le indicazioni fornite dall’ESPGAN (Società Europea di Gastroenterologia Pediatrica e Nutrizionale) e ne esistono di diversi tipi. I latti adattati (numeri uno) sono i più usati. Sebbene tali latti vengano modificati opportunamente  in modo che la loro composizione sia più vicina possibile a quella del latte materno, sia sul piano qualitativo che quantitativo, esietono delle differenze evidenti. Per ottenere queste tipologie di latte, infatti, è necessario operare delle modifiche. Nel latte vaccino, ad esempio,  la concentrazione proteica è troppo elevata e per il neonato ciò comporterebbe un eccessivo lavoro per i reni.  Il latte vaccino viene, allora, diluito con siero di latte demineralizzato, ma rimangono le beta-lattoglobuline, responsabili della gran parte dei fenomeni allergici. Inoltre, la caseina è presente come b-caseina, che è meno digeribile. E’ opportuno esporre il latte al calore (riscaldamento a bagnomaria) per attuare una parziale denaturazione di tali proteine. Alcune sieroproteine presenti nel latte umano, non nutritive ma bioattive (lattoferrina, lisozima, che è un antibatterico, immunoglobuline ovvero anticorpi), in quello di mucca sono assenti, anche dopo l’adattamento. Pertanto, se confrontiamo il latte materno con quello vaccino, vedremo che il contenuto di zuccheri e caseina è più elevato in quello vaccino; è differente il rapporto tra grassi saturi ed insaturi e, per correggere (ma solo in parte) queste differenze, nel latte vaccino vengono aggiunti oli vegetali ricchi di acidi grassi polinsaturi. Infine, nel latte vaccino calcio, fosforo e altri minerali sono presenti in quantità abbondanti, ma la diluizione che si opera per abbassare il contenuto di caseina ottiene anche l’effetto di ridurre la quota di questi minerali. A voi la scelta….

Commenti da Facebook

commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato/a

Nome e cognome

Email