Gli esperti rispondono nella chat diretta

Il forum di Studio Nutrilab sarà attivo da lunedi a venerdi dalle 16:00 alle 20:00 in cui potrete porre dubbi, domande e curiosità su tutti i temi riguardante la nutrizione!

Scrivi un nuovo post sul Forum

 
 
 
 
I campi contrassegnati con * sono obbligatori.
Il vostro indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
Per ragioni di sicurezza salveremo il vostro indirizzo IP 174.129.237.157.
Ci riserviamo il diritto di modificare, cancellare o non pubblicare messaggi se ritenuti non idonei alla politica del sito.
Silvia da MilanoSilvia da Milano pubblicato il 27 maggio 2016 alle 11:29:
salve e complimenti per il servizio offerto, volevo sapere se è vero il fatto che il limone una volta arrivato nello stomaco rende alcalino l'ambiente .... è una curiosità che volevo togliermi...grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
ciao silvia, il limone è un agrume e come tale è acido quindi una volta arrivato nello stomaco rimane acido e non basico.....quindi hai fatto bene a fare questa domanda perchè sono in tanti ancora che mi dicono che assumono il limone perchè alcalinizza...cosa non vera...assumiamo la mattina acqua e limone perchè il limone fa bene perchè contiene tante sostanze buone saluti dott. Garritano
MatteoMatteo pubblicato il 27 maggio 2016 alle 11:18:
Salve dott. Garritano volevo sapere se in caso di diverticolosi devo evitare il cibo integrale. Grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Ciao Matteo, c'è molta confusione sulla diverticolosi e sulla diverticolite e sull'utilizzo o meno della fibra. La diverticolosi è quella condizione in cui si formano a livello intestinale dei sacchetti dovuti a cedimento della parete intestinale in zone diverse dell'intestino ( soprattutto a livello del colon) ed è una condizione molto diffusa....mentre la diverticolite è un processo infiammatorio acuto in cui questi sacchetti ovvero i diverticoli si infiammano....in fase acuta di infiammazione di solito faccio sospendere la fibra per poi pian piano reintrodurla con gradualità ....quindi si alla fibra in caso di diverticoli perchè aiutano il transito intestinale evitando che la stipsi peggiori il quadro ovvero che faccia stazionare a lungo le feci in queste sacche per poi infettarle .... saluti dott. Garritano
Staff Studio NutrilabStaff Studio Nutrilab pubblicato il 27 maggio 2016 alle 11:16:
Salve vi ricordo che le domande sul forum saranno raccolte dal nostro staff, e dopo essere visionate da me personalmente vi sara' data una risposta immediata nel giro massimo di 1 ora. grazie dott. Francesco Garritano
GiuseppeGiuseppe pubblicato il 26 maggio 2016 alle 13:43:
Salve dott. Garritano ho ritirato le analisi del sangue ed ho il TSh 4,2 mentre i valori di FT3 ed FT4 sono nella norma, anche gli anticorpi sono nei range...devo assumere l'eutirox ?
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
salve, le linee guida dicono chiaramente che con un tsh fino a 10 e con valori nella norma di t3 e t4 non si deve dare l'ormone ( nel suo caso anche gli anticorpi sono nella norma) .....il tsh viene prodotto dall'ipofisi e va a sollecitare la tiroide a lavorare di più....ma bisogna capire perchè sta succedendo ciò....la dieta di segnale ovvero la dieta gift agendo sui segnali e precisamente sull'asse ipotalo ipofisi tiroide è in grado naturalmente di ripristinare il valore del tsh senza far uso di farmaci...quindi con un'alimentazione di segnale riporteremo il tsh nei valori ottimali...mi contatti per un appuntamento...buona giornata dott. garritano
RobertoRoberto da Cosenza pubblicato il 26 maggio 2016 alle 13:36:
Salve dottore sono Roberto, ho 50 anni e per il mio problema di dolore addominale, tipo coliche, sto effettuando una serie di controlli perché si sospetta un Morbo di Crohn. Posso aiutarmi con l’alimentazione?
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve Roberto, grazie per averci scritto. Il morbo di Crohn, come le avrà sicuramente spiegato il suo medico di fiducia, è una patologia infiammatoria cronica la cui diagnosi è istologica e laboratoristica anche mediante il riscontro di valori elevati di Calprotectina fecale (proteina che è un valido marker di infiammazione intestinale quando si riscontrano valori maggiori di 50mg/L). Una corretta alimentazione è la “medicina da somministrare immediatamente” e nel suo caso dovrebbe essere mirata a disinfiammare il suo intestino; per tale motivo sarebbe conveniente impostare un corretto piano alimentare solo dopo aver valutato verso quali gruppi alimentari ha sviluppato l’infiammazione (e l’entità della stessa) mediante l’esecuzione del Recaller test; è un test molto semplice, effettuabile presso il nostro studio, che valutando i livelli di IgG, di BAAF e PAF è in grado dire SE e QUANTO è infiammato il suo organismo. Una volta ottenuti i risultati, la rotazione degli alimenti incriminati sarà di sicuro giovamento alla sua sintomatologia. Siamo a sua disposizione per qualsiasi informazione, non esiti a contattarci.
AngelicaAngelica pubblicato il 6 maggio 2016 alle 17:08:
Salve e grazie per il servizio! Si parla tanto di danni causati dallo zucchero... ma in pratica con cosa potrei sostituirlo? grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve Angelica è vero numerosi studi scientifici parlano dei danni causati dallo zucchero ma anche di molti dolcificanti così tanto utilizzati nell'era moderna... potrebbe dolcificare ad esempio utilizzando il miele.
MariaMaria pubblicato il 2 maggio 2016 alle 16:46:
Buonasera... ho un dubbio.. analisi ottime, mangio bene, faccio sport e cerco di bere almeno due litri di acqua ogni giorno... ma le uova è vero che fanno male per quanto riguarda la questione colesterolo? o posso mangiarle tranquillamente?
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Buonasera Maria e grazie per la sua domanda. Si, ovviamente tutto come sempre varia e dipende da caso a caso; le uova sono state per anni demonizzate ma adesso vari studi scientifici hanno dimostrato che si possono tranquillamente consumare in una dieta sana ed equilibrata, con buona pace per il colesterolo!
LuigiLuigi pubblicato il 20 aprile 2016 alle 16:49:
Buonasera, bel servizio questa chat complimenti! Volevo chiedere se esiste un test per tenere sotto controllo la prostata. grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Buonasera e grazie a lei per averci scritto. Certo, può trovare tutte le prestazioni che si effettuano allo studio nutrilab, compreso il test sul PSA a questo link http://www.studionutrilab.com/prestazioni-effettuate/ ... può prenotare direttamente dal sito alla pagina "prenotazioni on line" presente nella barra del menù.
GiuliaGiulia pubblicato il 13 aprile 2016 alle 16:54:
Mi chiamo Giulia ed abito in una zona ad alto rischio inquinamento, conosco il problema dei metalli pesanti ed ho paura per la mia salute... so che l'alimentazione puo far tanto e vorrei dei consigli in merito... grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve cara Giulia, sappiamo che il problema dei metalli pesanti è molto attuale e le sue preoccupazioni sono perciò fondate... si l'alimentazione può far tanto alimenti ricchi di sostanze antiossidanti possono essere un valido aiuto nel caso di metalli pesanti in circolazione... una giusta integrazione inoltre potrebbe essere utile. A tal proposito ci sarà un convegno (può trovare la locandina dell'evento in Home) nel quale si parlerà di metalli pesanti, salute e tutto ciò che è all'argomento correlato.
EsterEster pubblicato il 11 aprile 2016 alle 17:20:
Buonasera, ho 24 anni sono studentessa e faccio una vita molto attiva... la mattia non riesco a mangiare più di tanto durante la prima colazione e poi finisco per avere una fame da lupi... consigli?
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Ciao Ester grazie per la tua domanda. Non ci hai fornito molte indicazioni sulla tua alimentazione però se non riesci a mangiare come si dovrebbe al mattino, ovvero fare una ricca e completa colazione, prova a tenerti un po più leggera da sera ed a praticare una costante attività fisica durante il giorno quotidianamente. Ricorda la colazione è il pasto più importante della giornata.
AnnaAnna pubblicato il 6 aprile 2016 alle 16:44:
Salve, ho sentito parlare di un esame che si chiama adipometria, mi può dare delucidazioni in merito?Da voi si effettua? grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve a lei. L'adipometria è un esame che ci permette di misurare in modo accurato lo spessore del tessuto adiposo sottocutaneo, aggiungendo in tal modo ulteriori dati all'anamnesi che serve poi per la formulazione del giusto piano dietetico. Si presso lo Studio Nutrilab è possibile previa prenotazione, effettuare l'adipometria.
AntonioAntonio pubblicato il 4 aprile 2016 alle 17:04:
Buonasera scrivo per chiedere quale potrebbe essere il mio peso ideale visto che sono alto 1.78 e peso 90 kg? grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Buonasera Antonio, iniziamo col dire che non esiste un peso ideale standard che vada bene per tutti coloro che presentano altezza uguale alla sua ma il peso è una componente formata da vari parametri... ecco perchè preferiamo effettuare una bioimpedenziometria e verificare la composizione corporea prima di elaborare un qualsiasi piano dietetico. Bisognerebbe valutare la sua massa grassa e quella muscolare nonchè altri parametri fra i quali l'idratazione.
AlinaAlina pubblicato il 30 marzo 2016 alle 13:50:
Salve ho 25 anni e soffro spesso di candida... che alimentazione mi consigliate? adoro i dolci e non ne posso fare a meno questo è l'unico vizio che ho ... bevo tanto e cerco di fare attenzione ma puntualmente mi ritorna! Help
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve il problema della candida andrebbe approfondito attraverso un'attenta analisi in ogni caso è da preferire l'allontanamento degli zuccheri, di alcolici e cibi ricchi di lieviti... prendersi cura del proprio intestino attraverso la somministrazione di fermenti e di integratori che aiutano a debellare questa fastidiosissima infezione.
AgostinoAgostino pubblicato il 22 marzo 2016 alle 16:32:
Buonasera, vorrei chiedere a cosa serve l' holter metabolico? Me ne hanno parlato l'altro giorno e trovando il vostro sito mi sono imbattuto in questa utilissima chat. Grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Buonasera a lei e grazie per averci scritto. L'holter metabolico, servizio che offriamo allo studio Nutrilab, è uno strumento di cui ci si può avvalere ad esempio prima di iniziare un programma di attività fisica o un regime dietetico finalizzati al dimagrimento, per misurare il metabolismo e l'effettivo consumo calorico, durante un percorso nutrizionale per monitorare eventuali inadeguatezze nel dimagrimento. Il suo utilizzo permette di avere una stima del consumo calorico sia attivo che a riposo, dell'intensità dell'attività fisica, durata del sonno, numero di passi effettuati e così via.
GildaGilda pubblicato il 18 marzo 2016 alle 17:27:
Salve l'altro giorno mi sono recata presso un nutrizionista che dopo una a mio avviso sommaria visita mi ha rilasciato subito una dieta da 1200 calorie... premetto che ho bisogno di perdere almeno 10 Kg ma mi sembra un po misera questa dieta non so se ce la farò. cosa mi consigliate?
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve Gilda, se lei dice che la visita le è sembrata sommaria vuol dire che non le hanno dedicato il giusto tempo e probabilmente le hanno dato una dieta prestampata senza nemmeno considerare la sua composizione corporea. Una dieta da 1200 calorie sembra davvero molto misera e probabilmente non darà il giusto stimolo al metabolismo per permetterle di dimagrire. Per ogni eventualità ci può contattare sia per prendere un appuntamento e sia per dubbi ulteriori o domande.
GianniGianni pubblicato il 17 marzo 2016 alle 16:38:
Salve io scrivo da Cremona, ho trovato il vostro sito tramite la pagina facebook e lo trovo molto interessante, vorrei perdere qualche chilo di troppo ma abito lontano da voi vorrei sapere se a distanza è possibile richiedere una dieta visto che m'interessa molto la filosofia GIFT. Grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve Gianni. Grazie per averci contattato! Da pochissimi giorni è attivo il servizio di dieta online, creato proprio per le persone che abitano lontano dal nostro studio o che sono impossibilitate per vari impegni a recarvisi. Cliccando sulla voce dieta online del menù le si aprirà la pagina del nuovo sevizio offerto e potrà tranquillamente da casa richiedere la sua dieta personalizzata.
GretaGreta pubblicato il 17 marzo 2016 alle 14:57:
Buonasera avrei una domanda: ho difficoltà a fare la colazione come consigliate ovvero in maniera abbondante, la mattina non riesco a mangiare tanto... a cosa può essere dovuto?
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Buonasera e grazie per averci scritto. Non ci fornisce molti dati al riguardo perciò non possiamo dire niente con la massima certezza. Tuttavia molte persone ritengono come lei di non riuscire a fare una colazione abbondante... questo potrebbe essere dovuto al fatto che spesso si consuma una cena molto ricca ci si appesantisce ed al mattino non si ha il giusto stimolo per consumare la colazione ed aspettare questo momento con gioia. Provi a consumare una cena più leggera e per qualsiasi dubbio ci scriva o ci contatti.
GiovanniGiovanni pubblicato il 11 marzo 2016 alle 18:00:
Buonasera credo di soffrire da svariato tempo di reflusso gastroesofageo... esiste un test per verificare il disturbo? Sono della provincia di Cosenza, in caso dove posso trovare questo test? Grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Buonasera a lei... certo, il pep test serve appunto per diagnosi di reflusso gastroesofageo, le inserisco il link per maggiori informazioni e per eventuali prenotazioni del test stesso. Il nostro studio a Cosenza è a sua disposizione. http://www.studionutrilab.com/pep-test-per-diagnosi-di-reflusso/
LetiziaLetizia pubblicato il 9 marzo 2016 alle 18:41:
Salve vorrei una informazione... eseguite il test per verificare l'intolleranza al lattosio?
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Certo cara Letizia, la risposta è SI. Si tratta del Breath Test... può trovare tutte le informazioni che le occorrono nella pagina del sito www.studionutrilab.com "I nostri servizi"
JessicaJessica pubblicato il 7 marzo 2016 alle 17:22:
Salve, ho il sospetto di essere intollerante al lattosio, mi sono documentata un po in merito e noto che quando bevo latte o mangio latticini avverto molto gonfiore...cosa consigliate?
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Cara Jessica grazie per averci scritto. Si potrebbe trattarsi di una intolleranza verso il lattosio perciò consigliamo di effettuare un Breath Test per verificare effettivamente come il suo organismo reagisce. Le inserisco il link del test che trova in ogni caso sul nostro sito alla voce "Prestazioni effettuate". http://www.studionutrilab.com/prestazioni-effettuate/test-intolleranza-al-lattosio/
SilviaSilvia pubblicato il 4 marzo 2016 alle 9:02:
salve, ho sentito parlare della pericolosità dei metalli pesanti, so che nel vostro studio effettuate il mineralogramma, mi potete spiegare come viene effettuato il test ?
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve, il mineralogramma ovvero l’analisi spettrofotometrica dei minerali contenuti in un campione di capelli è un test molto utile in quanto possiamo essere esposti ad agenti inquinanti, cibo contaminato ed altre fonti molto frequentemente. Il test viene effettuato mediante analisi su un campione di capelli in quanto questi ultimi concentrano i minerali circolanti e per questo motivo sono usati per identificare e misurare le concentrazioni di minerali tossici per l'organismo. Le scrivo il link della nostra pagina sul mineralogramma e la aspettiamo eventualmente per eseguire il test. http://www.studionutrilab.com/prestazioni-effettuate/mineralogramma/
SerenaSerena pubblicato il 2 marzo 2016 alle 18:06:
Salve Dottori, ho 32 anni e con mio marito stiamo provando ad avere un bambino... è vero che è consigliato l'acido folico? grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve Serena ed in bocca al lupo per la futura gravidanza. Si è vero, una integrazione di acido folico laddove necessaria e consigliata da un medico o da un nutrizionista, può essere utile sia prima e sia durante la gravidanza, infatti l'acido folico risulta utile nella prevenzione delle malformazioni del feto.
giuliogiulio pubblicato il 1 marzo 2016 alle 16:26:
Salve vorrei sapere con cosa posso sostituire le uova a colazione perché proprio non riesco a mangiarle. grazie!
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve a lei Giulio, allora ci sono varie alternative alle uova se preferisce può sostituirle con dell'affettato, oppure del parmigiano o ancora delle noci e/o mandorle.
GiuseppeGiuseppe pubblicato il 23 febbraio 2016 alle 17:29:
Salve, bel servizio! Vorrei chiedere una cosa: ho 29 anni ogni volta che mi metto a dieta con tutta la buona volontà di questo mondo, dopo un paio di mesi al massimo finisco per abbandonarla.Consigli?
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve e grazie per averci scritto. Il suo problema è molto comune e potrebbe dipendere ad esempio da diete troppo restrittive che sono difficilmente sostenibili sia a livello fisico che mentale. La motivazione gioca un ruolo primario quando si intende portare avanti una dieta e fare in abbinamento dell'attività fisica... a tal proposito le suggeriamo due nuove figure che affiancano il nutrizionista ovvero il food tutor e lo sport coach GIFT che potrebbero facilitare il compito di seguire un nuovo stile di vita, può trovare maggiori informazioni sul nostro sito.
SoniaSonia pubblicato il 19 febbraio 2016 alle 17:56:
Salve studio nutrilab... trovo interessante il fatto di una chat diretta. Soffro spesso di stitichezza ed a volte prendo lassativi... non ho mai fatto diete premetto e la mia alimentazione lascia il tempo che trova. grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve Sonia, non ci fornisce molti dati riguardo la sua alimentazione in ogni caso prima di ricorrere ai lassativi sarebbe necessaria una visita nutrizionale per capire la natura della sua stipsi... potrebbe riguardare lo consumo di fibre o potrebbe richiedere l'assunzione di alcuni integratori. Addirittura si potrebbe pensare ad una infiammazione da cibo che porta l'intestino ad avere disturbi quali quelli che lei avverte. Ovviamente il tutto deve partire da un riequilibrio della sua alimentazione.
GioiaGioia pubblicato il 4 febbraio 2016 alle 17:40:
Salve... ho fatto varie diete fai da te più che altro da 1000 calorie circa. .. ora nn ho il ciclo da un mese può dipendere da questo? Grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Ciao e grazie per averci scritto. Certo che può dipendere da questo... una dieta ipocalorica è un regime restrittivo che a lungo andare può provocare danni all'organismo come il blocco degli assi metabolici essenziali al buon funzionamento di tutto il sistema. La mancanza del ciclo è una delle conseguenze più diffuse che purtroppo riscontriamo spesso durante le visite nutrizionali. Per qualsiasi altro consiglio non esitare a contattarci.
CarmenCarmen pubblicato il 1 febbraio 2016 alle 18:09:
Buonasera, ho scoperto per caso il suo sito e l'ho trovato molto interessante. Ho 25 anni e dal mese di agosto soffro di mal di testa persistenti e molto intensi, che durano tutta la giornata e mi impediscono di studiare. Ho fatto una TAC, fortunatamente con esito negativo. Inoltre ho fatto anche il RAST e il PRIST Test, ed anche questi due test sono risultati negativi. Vorrei fare, a questo punto, dei test per le intolleranze alimentari, ma ho notato che esistono vari tipi di test: cito test, dosaggio di anticorpi IgG... Secondo lei qual è il test per le intolleranze più attendibile? Inoltre mi hanno consigliato di fare un Test di Trasformazione Linfocitaria per accertare la presenza di un'eventuale allergia al nichel, che secondo alcuni potrebbe essere la causa del mio mal di testa. Saprebbe consigliarmi un test per accertare l'allergia o intolleranza alimentare al nichel (non da contatto in quanto non presento dermatiti da contatto)? La ringrazio molto per l'attenzione che vorrà accordarmi e, in attesa di una sua risposta, le porgo cordiali saluti.
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve e grazie per averci scritto. Per il suo problema consigliamo di effettuare il Recaller test, un test tanto attendibile quanto semplice da eseguire. Il test si basa sulle IgG è un test innovativo, l’unico sul mercato che unisce la misurazione del livello di infiammazione e permette di conoscere la reattività a vari gruppi alimentari. Inoltre questo test ci da informazioni sui livelli di BAFF e PAF per capire quanto se sia elevato o meno il livello d'infiammazione, indichiamo tale test per verificare il suo livello di intolleranza al nichel e restiamo a sua disposizione per qualsiasi info o prenotazione.
GinoGino pubblicato il 1 febbraio 2016 alle 17:16:
Salve Studio Nutrilab, sono uno studente ed a breve avrò gli esami universitari da fare, volevo chiedere se esiste qualche integratore che aumenti la concentrazione. Grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Buonasera a te! Tanti studenti ci chiedono aiuto per sapere quali sono le strategie alimentari per tenere la mente più attiva e superare lo stress degli esami. Come prima cosa inizierei dalla colazione la quale dovrà essere ricca e completa di tutte le fonti; come integratore un buon consiglio può essere quello del Ginkgo biloba il quale stimola le funzioni cognitive!
ValerioValerio pubblicato il 28 gennaio 2016 alle 18:16:
Salve Doc nei cereali decorticati è presente il germe ??
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Ciao Valerio, si nei cereali decorticati è presente il germe, sono privati soltanto delle glumelle esterne!
AldoAldo pubblicato il 20 gennaio 2016 alle 17:49:
Buon pomeriggio, quando vado a letto mi sento sempre gonfio e pesante... lavoro tutto il giorno mangio poco quindi a pranzo e colazione, quando arrivo a casa la sera mangio un po di piu e mi sento subito KO. Come devo fare?
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve Aldo, il suo problema è comune a molte persone. Spesso quando si è fuori tutto il giorno per lavoro diventa difficile mangiare in maniera corretta, la fretta infatti è cattiva consigliera per la linea! Suggeriamo di invertire le quantità ovvero: se riesce a svegliarsi 10 minuti prima potrebbe optare per una ricca e varia colazione in modo da avere lo sprint per affrontare bene la mattinata, mai saltare il pranzo ma sotto consiglio del nutrizionista concordare delle scelte di pasto da poter consumare o trovare fuori casa, la cena invece dev'essere assolutamente leggera anche se capiamo essere questo momento quello più rilassante per lei.
SilviaSilvia pubblicato il 13 gennaio 2016 alle 18:07:
Salve studio nutrilab... una curiosità io la mattina bevo sempre un succo di frutta all'arancia o alla pesca, poi aggiungo 2 fette biscottate ed a volte latte con caffè, non ho problemi di peso ma volevo sapere se è buona come colazione o dovrei cambiarla. Grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Cara Silvia ben trovata. Iniziamo col dire che la sua colazione è povera, in quanto due fette biscottate non sono sufficienti per affrontare l'intera mattinata con lo sprint giusto. Provi ad integrare sia la quota dei carboidrati e sia ad aggiungere una fonte proteica che può essere un uovo, del prosciutto o semplicemente noci e mandorle. Per quanto riguarda il succo di frutta si ricordi di leggere con attenzione le etichette e di verificare la presenza o meno di zuccheri. A presto
ValerioValerio pubblicato il 3 gennaio 2016 alle 18:17:
Buona sera studio nutrilab ho notato che quando faccio una colazione povera poi durante tutta la giornata ho sempre fame da cosa può dipendere ?
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
caro valerio, grazie per la domanda.....ti rispondo che facendo una colazione povera non ce la fa a controbilanciare i tuoi consumi metabolici che si sono alzati da quando sei quasi un agonista nella corsa....mangiando poco al mattino rischi tanto cioè di abbassare il tuo metabolismo ma sopratutto di scaricare i 4 assi metabolici attivati dalla leptina che sono l'asse della tiroide, del muscolo ( per te questo asse è fondamentale altrimenti demuscoli), l'asse del cortisolo e l'asse dell'fsh/lh....quindi riprendi a fare colazione abbondante e di qualità alta....il tuo corpo ringrazierà....ciao
GiuliaGiulia pubblicato il 30 dicembre 2015 alle 17:36:
Salve sono una studentessa di 22 anni e vivo fuori per studio... spesso mangio male e inizio ad avvertire mal di stomaco. Consigli?
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve Giulia, capiamo la sua situazione perchè è la stessa di tanti studenti che vivono fuori sede e che si trovano per questa ragione a provvedere da soli alle proprie esigenze quotidiane. Pensi che da un recente studio è emerso quanto poco bene mangino gli studenti e quanta poca attività fisica esiste nella loro quotidianità. Il nostro consiglio è quello di evitare assolutamente la soluzione più sbrigativa ovvero il junk food, ma di praticare una ricca colazione al mattino per avere l'energia sufficiente ad affrontare una giornata di studio, bere tanta acqua lontano dai pasti, ricavarsi un po di tempo per praticare quotidianamente sport, dormire la notte almeno 7-8 ore.
ValerioValerio pubblicato il 16 dicembre 2015 alle 21:04:
Buona sera Doc nei supermercati vanno molto di moda diversi tipi di crusca cosa ne pensate ? Cm insegna dieta gift di prediligere i cereali integri senza essere manipolati troppo dalle industrie alimentari grazie !!
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Gentile utente grazie per averci scritto. La nutrizione non è un fatto di moda e come dice Lei bisogna nei supermercati si trova ormai di tutto e bisogna scegliere con attenzione. Come attenti sostenitori della dieta GIFT diciamo di prediligere sempre i prodotti integrali, con la minima manipolazione umana subita; prediligere ciò che di più naturale esiste è la scelta migliore.
CarlaCarla pubblicato il 4 dicembre 2015 alle 15:52:
Salve studio nutrilab, negli ultimi tempi sto soffrendo spesso di colite ... può dipendere dal fatto che sono continuamente sotto stress?
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Cara Carla non possiamo fare una anamnesi approfondita via chat della sua situazione però in linea di massima la risposta è si... la colite spesso è legata alla sfera emotiva ed allo stress. L’influenza di ansia e nervosismo su tutto l’intestino è enorme. Potrebbe provare a ridurre le fonti di stress e ad integrare con fiori di Bach o tisane rilassanti.
AlessioAlessio pubblicato il 4 dicembre 2015 alle 15:03:
Salve, qual'è secondo voi la giusta dieta da seguire per dimagrire? Sul web ed in giro se ne trovano di troppe. Grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Buonasera Alessio e grazie per averci scritto. Non esistono diete universali ma solo diete personalizzate in base alle esigenze di ciascuno... ovviamente la linea da seguire è quella di una sana ed equilibrata alimentazione che favorisca una corretta stimolazione metabolica, in tal senso la dieta GIFT è quella che più rispecchia queste caratteristiche.
ArnaldoArnaldo pubblicato il 2 dicembre 2015 alle 17:53:
Buonasera, sono un uomo di 40 anni ed ultimamente mi sento sempre stanco... so che potrebbe dipendere dall'alimentazione (la mia è abbastanza pesante ahimè) è vero? grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Buonasera Arnaldo e grazie per averci scritto. Ovviamente è vero, dall'alimentazione dipendono un sacco di cose... noi siamo ciò che mangiamo. La sua alimentazione ad esempio potrebbe essere troppo ricca di carboidrati (per giunta raffinati) oppure potrebbe essere che lo stimolo della colazione sia poco adeguato ad affrontare la giornata. Per cui consigliamo vivamente di rivolgersi ad un bravo nutrizionista e valutare ciò che non va nel suo stile di vita e modo di alimentarsi.
GiuliaGiulia pubblicato il 1 dicembre 2015 alle 18:31:
Salve Studio nutrilab, mi sento spesso gonfia dopo i pasti, mi sapreste consigliare un sostituto del pane del quale ahimè vado ghiotta? grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve Giulia, come lei ben saprà se legge spesso i consigli che inseriamo nei vari articoli, mangiare sempre uno stesso tipo di alimento (come nel suo caso il pane) può portare al superamento di un livello soglia e nel tempo allo sviluppo di intolleranze... nel suo caso consigliamo di sostituire di frequente il pane (il quale quando presente dovrà essere integrale) con gallette di riso, mais o altro carboidrato ad esempio; valide alternative al lievitato pane.
GuidoGuido pubblicato il 27 novembre 2015 alle 18:49:
Buonasera studio Nutrilab cosa ne pensate dei succhi di frutta senza zucchero che troviamo nei comuni supermercati? sono veramente dietetici?
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Gentile Guido, la sua domanda tocca un tema particolare ovvero quello delle etichette alimentari. C'è da dire che bisogna saper leggere bene le etichette visto che spesso, sotto la dicitura "senza zucchero" sono poi inseriti vari dolcificanti i quali possono essere dannosissimi per la salute. Inoltre spesso lo zucchero si nasconde sotto altri nomi, parliamo del caso delle cosiddette etichette ingannevoli. Detto questo esistono in commercio molti succhi di frutta che contengono ingredienti naturali e sono davvero privi di zuccheri vari, sicuramente da preferire.
IoleIole pubblicato il 27 novembre 2015 alle 16:31:
Salve Studio Nutrilab, mi chiamo Iole ho 25 anni e mi sto accorgendo di avere un po di cellulite a livello delle cosce... cosa consigliate? grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Cara Iole benvenuta in Studio Nutrilab! Vista la sua giovane età ed il non avanzato stadio in cui pare versi il suo problema, ci sono piccole accortezze che potrebbero aiutarla. Innanzitutto l'acqua, cerchi di bere di più e di distribuire correttamente l'acqua nel corso della giornata, mangi in modo corretto ed integrale, faccia sport quotidianamente! Vedrà che andrà sicuramente meglio.
MariaMaria pubblicato il 26 novembre 2015 alle 18:20:
Salve Studio Nutrilab, soffro di gastrite e reflusso acido ormai da un po, so che la mia alimentazione non è delle migliori, potete darmi qualche consiglio? grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Cara Maria, grazie per aver scelto il nostro sito. Lei non ci fornisce nessuna informazione sulla sua alimentazione tuttavia possiamo darle alcune indicazioni inerenti alla sua condizione di gastrite-reflusso: sarebbe utile evitare cibi grassi, cibi troppo caldi o freddi, fritture, formaggi grassi o stagionati, cibi affumicati, gomme da masticare, bevande gassate, caffè, tè, cioccolata, pomodori, agrumi, castagne, menta, cibi speziati, aceto, alcolici; inoltre sarebbe buona norma evitare pasti abbondanti, non coricarsi subito dopo i pasti ed evitare di vestire indumenti troppo stretti.
lauralaura pubblicato il 24 novembre 2015 alle 15:37:
Buonasera staff nutrilab, avrei bisogno di chiedervi un consiglio. Mi è stata diagnosticata una candidosi intestinale: posso continuare a mangiare il pane o devo rinunciarci? E il cornetto la mattina? Grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve e grazie per averci scelto! Troverà sicuramente consigli molto utili sul nostro sito leggendo l'articolo che parla proprio di candidosi intestinale. Il consiglio che possiamo darle è quello di prestare attenzione alla sua alimentazione la quale dev'essere completa di tutti i nutrienti necessari all'organismo ovvero un consumo quotidiano di frutta e verdure, pesce, legumi e cereali integrali, adottare una riduzione degli alimenti fermentati, lievitati e pieni di zucchero (tra questi rientrano i cornetti ed il pane).
DanieleDaniele pubblicato il 19 novembre 2015 alle 18:32:
Salve vorrei un consiglio sulla mia alimentazione... amo fare colazione ma quando bevo latte al mattino a volte (non sempre) ho attacchi di colite... adoro latte e latticini e ne mangio spesso. cosa mi consigliate? Grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve Daniele e grazie per averci scritto. Allora il fatto che lei mangia spesso latticini va a sfavore di una dieta variegata che noi consigliamo per mantenere un buon stato di salute; quando mangiamo una stessa cosa ripetutamente e per molto tempo infatti, possiamo andare oltre il livello soglia e sviluppare una possibile intolleranza. Potrebbe sostituire il latte vaccino con dei latti vegetali ad esempio oppure preparare un buon tè verde o orzo.
FilippoFilippo pubblicato il 18 novembre 2015 alle 14:21:
Salve volevo sapere la differenza tra fibra solubile ed insolubile e l'assorbimento di esse....poi mi hanno parlato di fibra fermentabile..... ....qual'e'? Grazie e complimenti per il forum
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve Filippo e grazie per i complimenti! Allora iniziamo col dire che le fibre rivestono un ruolo di grande importanza nell'alimentazione umana nonostante l'uomo non sia in grado di digerirle in quanto carente degli enzimi necessari; abbiamo sostanzialmente 2 grandi classi di fibre: quella insolubile e quella solubile in base alla capacità di solubilizzare in acqua. La differenza tra le due fibre, oltre alla solubilità, dipende dal grado di fermentabilità ovvero dall'essere soggetti alla fermentazione da parte dei batteri intestinali. Le fibre solubili sono fermentabili e tendono a formare un composto gelatinoso all'interno dell'intestino, il quale va ad aumentare la viscosità del contenuto portando ad un rallentamento dello svuotamento intestinale. Le fibre insolubili invece, non sono fermentabili ed assorbono elevate quantità acqua aumentando in questo modo, il volume delle feci, rendendole più morbide e stimolando la velocità di transito intestinale.
MicheleMichele pubblicato il 17 novembre 2015 alle 16:50:
Salve studio Nutrilab, complimenti per il servizio di chat. Siccome non mi piace mangiare tantissimo la carne rossa, come posso integrare il Ferro? Grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve Michele e grazie per averci scritto! Non sappiamo nulla sul tipo di dieta che lei conduce in ogni caso bisognerebbe privilegiare l'assunzione di alimenti che aiutino l'assorbimento e il trasporto del ferro, con un buon contenuto di rame, acido folico, vitamina C e vitamina B6 contenuta soprattutto in alimenti quali cereali integrali, semi oleosi, legumi, tuorlo d'uovo. Dove trovare, orientativamente, ferro in cibi che non siano carne? Legumi (fagioli e lenticchie 5-6,7 mg/ 100 g), uova (6,1 mg/100 g), ortaggi a foglia verde e frutta ma anche ma anche prodotti ittici quali ostriche, cozze tonno e acciughe (dai 2 ai 6 mg).
IlariaIlaria pubblicato il 13 novembre 2015 alle 17:03:
Salve ho partecipato al congresso organizzato dal dott Garritano con il dott luca Speciani e si è parlato di leptina....mi spiegate la sua funzione...grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve la ringraziamo per averci scritto. La leptina è uno dei piu importanti regolatori che abbiamo a disposizione; agisce a livello ipotalamico. In particolare è un’adipochina secreta dal tessuto adiposo con effetto anoressizzante. Un buon segnale leptinico è garantito dalla normocaloricità, in quanto l'ipotalamo teme il digiuno! Un calo nei livelli di leptina blocca l’asse ipotalamo-ipofisi e di conseguenza il metabolismo rallenta, tutte le funzioni non strettamente vitali si spengono a favore della sopravvivenza.
ValerioValerio pubblicato il 12 novembre 2015 alle 15:41:
Salve Doc mi capita spesso di fare gare di corsa al mattino intorno le 9 e noto che ho meno forza e resistenza anche negli allenamenti mattinieri prima della colazione o anche se faccio una colazione Light tipo qualche galletta integrale di dversi cereali cn o senza glutine o frese integrali e miele o marmellata qualche seme oleoso mi tengo sempre leggero e arrivo a stomaco vuoto quindi cerco di mangiare meno per non avere problemi durante la corsa ! Cosa mi consiglia?
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
caro Valerio, ti ricordo che si corre o ci si allena a scorte piene e a stomaco vuoto.....quello che avverti al mattino può dipendere da tre cose: scorte non pienamente piene quindi in questo caso devi ricaricare il glicogeno la sera oppure non stai rispettando i quattro principi base dello sportivo ovvero normocaloricità, normoproteicità, sali minerali e gestione delle infiammazioni....( fai un esame di questi quattro punti) e poi può dipendere da un sovrallenamento .....quindi il consiglio è di farti vedere in studio per fare una bia e vedere se tutto sta andando nella giusta direzione ovvero infiammazione da cibo controllando l'acqua extracellulare.....fare il test dei radicali liberi e della barriera antiossidante e impostare quel protocollo cellfood utile nel tuo caso. ciao
ErikaErika pubblicato il 10 novembre 2015 alle 18:06:
Salve Studio Nutrilab, so che bere acqua è importante ma a volte non riesco proprio cosa posso fare per l'idratazione?
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve a lei, il suo è un problema che si riscontra nella stragrande maggioranza delle persone. Ha provato a dividere i 2 litri d'acqua giornalieri in delle comode e piccole bottigliette da mezzo litro? Se anche in questo modo non dovesse andare provi a preparare delle tisane al gusto che preferisce, specialmente nella stagione fredda possono rappresentare un valido aiuto all'idratazione.
GiuseppeGiuseppe pubblicato il 10 novembre 2015 alle 15:13:
Salve studio nutrilab, ho un problema che da tempo mi porta disagio... soffro spesso di attacchi diarroici ho provato con i fermenti ma poi ritorna sempre. attendo risposta. grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Gentile lettore, grazie per averci posto questa domanda. I dati che abbiamo per risponderle sono veramente pochi, occorrerebbe che ci fornisse qualche info in più sulla sua alimentazione ed il suo stile di vita. Tuttavia la diarrea è di norma una risposta di difesa dell'organismo il quale tende ad eliminare gli elementi o germi che sono in grado di creare uno stato infiammatorio a livello della mucosa intestinale... potrebbe essere un problema di sola alimentazione e quindi risolvibile con la correzione della stessa. Potrebbero esserci degli alimenti che le danno fastidio, una qualche intolleranza e quindi in tal caso sarebbe consigliabile effettuare un test per verificare effettivamente la situazione.
AriannaArianna pubblicato il 9 novembre 2015 alle 15:30:
Salve, una info... ho spesso la glicemia bassa e altrettanto spesso mi gira la testa e quindi sono costretta a mangiare ogni 3 ore circa... da cosa può dipendere? Grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve gentile lettrice, è difficile risponderle con estrema precisione visto che non ci dice nulla sulla sua alimentazione, tuttavia molte situazioni simili alla sua dipendono spesso da come e da quello che si sta mangia. Prima di tutto sarebbe utile bilanciare a tutti i pasti carboidrati e proteine a partire soprattutto dalla prima colazione. Un importante suggerimento nell'alimentazione è che ogni pasto dovrà essere composto da un terzo di carboidrati, un terzo di proteine e un terzo di verdura; infatti il corretto bilanciamento rallenta l'assorbimento degli zuccheri evitando le ipoglicemie reattive. Quando una persona fa un pasto di soli carboidrati la glicemia sale molto rapidamente portando a un elevato rilascio di insulina, ormone preposto a controllare gli zuccheri nel sangue. Il problema è che l'insulina può ridurre troppo i livelli della glicemia sotto la norma in una situazione chiamata ipoglicemia reattiva... questa può essere una risposta al suo dubbio tuttavia bisognerebbe effettuare una anamnesi più approfondita del caso vedendola di persona.
SalvatoreSalvatore pubblicato il 9 novembre 2015 alle 15:30:
Complimenti per il forum, volevo chiedere se l'olio di palma fa bene o fa male!!!!c'e' tanta confusione Grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Grazie per i complimenti e per l'attualissima domanda. Ci sono opinioni contrastanti sull'olio di palma è vero che esiste una enorme confusione in merito. Se esaminiamo la composizione dell'olio di palma non raffinato e non sottoposto a nessun trattamento vediamo che esso è costituito sia da grassi saturi che da insaturi. I grassi saturi erano imputati di un eventuale rischio sulla salute e grazie a recenti studi scientifici scagionati (relativamente alle giuste assunzioni), quelli che invece creano rischio sono i grassi trans idrogenati derivati da processi industriali. Un aspetto importante riguarda anche i livelli di assunzione giornaliera che spesso sono elevati; di per se tuttavia l'olio di palma nella sua composizione non artefatta e nelle giuste dosi, non presenta nessun rischio.
michelamichela pubblicato il 9 novembre 2015 alle 15:17:
salve studio nutrilab, vorrei un parere.. siccome nutro un profondo rispetto nei confronti degli animali, vorrei diventare vegetariana.. cosa ne pensate? quali sono i rischi a cui potrei andare incontro? vi ringrazio per l'attenzione
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Cara Michela, con questa domanda tocchi un tasto molto attuale. Sulle scelte etiche ognuno ovviamente deve far riferimento alle proprie ideologie e propria morale e queste sono insindacabili. Tuttavia come professionista le posso dire che intraprendere una scelta di questo tipo non è semplice, inoltre bisognerebbe sapere se la sua scelta è da intendere in senso stretto o c'è possibilità di introdurre nella dieta uova ed altri derivati animali. Ricordi che le proteine animali sono fonte di amminoacidi essenziali senza escludere ovviamente l'elemento vitamina B12. Per cui in questo percorso si faccia seguire da professionisti che sappiano consigliarle il giusto accostamento e scelta di cibi alternativi a quelli che andrà ad eliminare. Siamo a sua disposizione per eventuali approfondimenti.
CeciliaCecilia pubblicato il 6 novembre 2015 alle 15:20:
Buon poneriggio staff dello studio nutrilab. Volevo chiedervi con cosa posso validamente sostituire il latte della colazione...ultimamente ,nonostante mi piaccia molto,ho notato di avere difficoltà nel digerirlo. Grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Buon pomeriggio Cecilia, il suo quesito è uno dei più proposti in studio. Allora come sostituti del latte vaccino noi proponiamo i latti vegetali quali latte di soia, di riso, d'avena, di kamut oppure alternarli al tè, tè verde, orzo.
MarcelloMarcello pubblicato il 6 novembre 2015 alle 6:42:
Ho i trigliceridi alti, il mio medico di base sostiene che siano gli zuccheri a dover limitare e non il cibo grasso...cosa ne pensate?
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve gentile lettore, per valutare la sua situazione occorrerebbe ovviamente un'attenta lettura delle sue analisi. In ogni caso è vero che una particolare attenzione, nelle situazioni come la sua in cui si presenta una ipertrigliceridemia, deve essere indirizzata alla qualità e distribuzione dei carboidrati. Quindi non ci riferiamo soltanto agli zuccheri semplici, bensì puntiamo ad una rieducazione alimentare che preveda di portare sulle nostre tavole cereali integrali ed alimenti a basso indice glicemico.
SaraSara pubblicato il 6 novembre 2015 alle 6:41:
Salve e complimenti per il forum, prendo il cumadin quali alimenti devo evitare?
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve e grazie per i complimenti, siamo lieti di offrire questo servizio. In ogni caso durante il trattamento con il Coumadin diciamo che nessun alimento è proibito categoricamente. Tuttavia, è importante prestare attenzione al consumo dei cibi che possono interferire con la coagulazione influenzando l'azione del farmaco. Di solito comunque nella terapia con il Coumadin si consiglia la limitazione dei seguenti alimenti: verze e prezzemolo, broccoli, cavoli, spinaci, radicchio, cime di rapa, germogli, lattuga, asparagi, piselli, lenticchie, semi di soia, altra insalata verde, pomodoro, finocchi, avocado, senape, tuorlo d'uovo, maionese... ovviamente con esclusioni, limitazioni, e quantità da gestire insieme ad un professionista che la segue.
MarcoMarco pubblicato il 6 novembre 2015 alle 6:40:
Volevo sapere perchè chi dorme male prende peso? me lo ha detto il mio pneumologo, è vero?
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve e grazie per la domanda. Si effettivamente esiste una stretta relazione tra la qualità del sonno e l'ingrassamento. Esistono molti studi a tal proposito ed ultimamente da una ricerca della Pennsylvania State University è emerso che chi dorme poco può presentare una ridotta sensibilità all'insulina, con aumento della grelina e diminuzione della leptina... tutti segnali regolatori importantissimi per quanto riguarda l'aumento o meno di peso.
MaurizioMaurizio pubblicato il 6 novembre 2015 alle 6:28:
Salve , ho appena ritirato le analisi del sangue e mi hanno trovato l'acido urico alto precisamente a 9 cosa vuol dire e cosa devo mangiare per farlo scendere?
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve, l'acido urico è un'importante indicatore della funzionalità renale e deriva dalla degradazione delle basi puriniche. Valori elevati di questo parametro possono derivare sia da cause alimentari che non (es. patologie quali diabete e condizioni quali alcolismo). per valutare la sua situazione dovremmo averla in studio ma a grandi linee posso dirle che gli alimenti sconsigliati in questi casi sono Alici o acciughe, sardine, aringa, sgombri, cozze, animelle, fegato, rognone, cervello, estratto di carne, selvaggina, formaggi grassi e stagionati; mentre da mangiare con moderazione, carni, ostriche, gamberi, granchi, crostacei, salumi e insaccati in genere; piselli, pomodori, fagioli, lenticchie, asparagi, spinaci, cavolfiori, funghi, frutta secca.
LuisaLuisa pubblicato il 5 novembre 2015 alle 18:23:
Salve ho una domanda da porvi: ho 55 anni e mi rendo conto che ho difficoltà a mantenere lo stesso peso che avevo quando ero più giovane eppure mi sembra di mangiare in modo uguale a qualche anno fa... come mai? è solo questione di attività fisica che adesso non pratico più? grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Gentile Signora Luisa, ovviamente per avere un quadro preciso della sua situazione converrebbe effettuare un'anamnesi approfondita in studio. In ogni caso quello che cita lei è solo uno dei punti che rallentano il ritorno al peso forma quando gli anni un po avanzano. Il metabolismo infatti subisce un rallentamento ed alcuni processi non funzionano più come prima; ad esempio l'internalizzazione del glucosio ad opera dell'insulina per essere impiegato come energia subisce un rallentamento perchè i recettori con l'età diventano piu rigidi e meno sensibili all'insulina stessa... questo fa si che il glucosio circoli per piu tempo nel sangue, viene cosi prodotta una maggiore quantità dell'ormone stimolando così la produzione di grasso. Una visita dal nutrizionista potrebbe in tal senso aiutarla a capire le ragioni della sua stasi di peso.
AlessiaAlessia pubblicato il 5 novembre 2015 alle 15:37:
Salve, mi chiamo Alessia ho sentito molto parlare della BIA, volevo sapere di cosa si tratta in parole semplici. grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve Alessia, grazie per aver posto questa domanda. BIA sta per Bioimpedenziometria ed è l'esame che si effettua in studio per misurare la composizione corporea. Come ormai molte persone sanno, l'indice di massa corporea è una misura che, comprendendo solo il peso e l'altezza, non risulta sufficiente per avere un'idea dell'effettiva composizione del nostro corpo. Attraverso uno strumento chiamato bioimpedenziometro invece è possibile avere una stima della massa magra, massa grassa, acqua intra- ed extra- cellulare e tutti quei parametri che permettono di valutare lo stato nutrizionale.
TeodoroTeodoro pubblicato il 4 novembre 2015 alle 18:32:
Buon pomeriggio Studio Nutrilab, ho sentito parlare dell'olio di Ribes Nero.. è antiinfiammatorio? grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Grazie per averci scritto. La formulazione oleosa di Ribes Nero consente di fornire all'organismo un corretto bilanciamento tra acidi grassi Omega 3 e Omega 6 e la risposta alla sua domanda è si, possiede intensa azione antinfiammatoria ed anche antiallergica.
LorisLoris pubblicato il 2 novembre 2015 alle 18:29:
Salve e complimenti per il servizio di chat... volevo chiedere quanto dura una visita fatta bene? grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
salve, grazie per apprezzare il servizio che è stato pensato per dare un servizio a tutte quelle persone che hanno bisogno di consigli o vogliono confrontarsi con noi. la visita nutrizionale dura almeno 90 minuti perchè viene spiegato tutto nel dettaglio, chi esce dal mio studio può il giorno dopo iniziare già con il suo percorso......quindi tutto è curato : dall'anamnesi molto attenta, alla visita vera e propria agli esami strumentali.....sicuramente la professionalità e la gentilezza sono le cose che ci contraddistinguono.....così ci dicono i pz.......grazie
francofranco pubblicato il 2 novembre 2015 alle 18:05:
salve, vi faccio i complimenti per il forum e per il sito volevo farvi una domanda, ho l'emoglobina glicosilata a 7 con 3 metformine da 1000 al dì, cosa devo fare?
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
salve per i complimenti, il valore 7 di emoglobina glicosilata sta ad indicare che non abbiamo un buon controllo glicemico con tutti i 3 g di metformina al dì, ovvero il dosaggio massimo......iniziamo a mangiare cibi integrali, accoppiare sempre i carboidrati con le proteine, a mangiare delle fibre ovvero della frutta e verdura prima di iniziare il pasto, di fare 1 ora di camminata al dì per svuotare le cellule muscolari dallo zucchero e migliorare la sensibilità insulinica....in modo che la sua emoglobina glicata si abbassi e torni sotto il valore di 6
Staff Studio NutrilabStaff Studio Nutrilab pubblicato il 2 novembre 2015 alle 15:13:
Buon pomeriggio a tutti i nostri lettori! Riapre come ogni lunedì la chat di Studio Nutrilab... siamo a vostra disposizione per qualsiasi domanda.
ElisaElisa pubblicato il 30 ottobre 2015 alle 16:15:
Salve Studio Nutrilab, volevo chiedere se dopo la visita rilasciate subito la dieta. grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve, la ringraziamo per aver posto la prima domanda di oggi! La visita è strettamente personale così come lo sono i regimi alimentari proposti. Ovviamente per ricevere una dieta personalizzata e strutturata in base alle esigenze di ognuno, serve almeno un lasso di tempo che va dai 2 ai 3 giorni. Non eroghiamo diete elaborate con programmi al computer e quindi che risultano poi essere tutte uguali, ma puntiamo sulla qualità e sulla individualità di ciascuno.
AngelaAngela pubblicato il 29 ottobre 2015 alle 17:16:
Buona sera dottore,volevo chiederle con cosa posso sostituire lo zucchero...con dolcificanti??se si ,quali?? Grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Cara Angela grazie per aver posto questa domanda. Ha toccato un tasto dolente per quanto riguarda l'alimentazione quotidiana della maggior parte della popolazione: lo zucchero. Lo zucchero andrebbe completamente eliminato dall'alimentazione in quanto dannoso per la salute; infatti oltre ad promuovere l'ingrassamento, i picchi glicemici, sindrome metabolica e quant'altro lo zucchero insieme ai dolcificanti sarebbe secondo alcuni studi scientifici, imputato nello sviluppo e proliferazione di neoplasie. Può se vuole sostituire lo zucchero con del miele il quale è il miglior dolcificante naturale che abbiamo a disposizione.
ValerioValerio pubblicato il 29 ottobre 2015 alle 13:52:
Buon pomeriggio Doc! Due settimane fa alle iene hanno fatto vedere un bel servizio si intitolava come vivere fino a 105 anni praticamente hanno fatto vedere l alimentazione giapponese precisamente ad okinawa l alimentazione si basava su molti vegetali frutta molte verdure alghe specialmente ma ho sentito dei pareri un po discordanti proprio si quelle che dicevano di mangiarne poche xk ricche di iodio e stimolano troppo la tiroide e vedendo nel piatto di quella "nonnina"102 anni senza nessun farmaco aveva un cespo di alghe carote molte patate dolci Tofu pesce crudo e un po di carne cosa ne pensate ? In tutto il Giappone ci sono più di 65000 ultracentenari
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Ciao Valerio quello che dici è vero cioè nell'isola di Hokinawa c'erano molti centenari che purtroppo stanno in numero diminuendo . Molti sono convinti che la longevità sia dovuta all'ipocaloricità della dieta ma molti dimenticano che in quell'isola si mangiava bene qualitativamente, vi era meno inquinamento sia dei terreni che dell'aria che le persone respiravano. Si mangiava pesce ricco non solo di iodio ma anche di omega 3, inoltre i mari erano puliti e non inquinati e ricordo che il pesce è ricco di selenio che controbilancia l'azione del mercurio; si mangiava molta frutta e verdura di stagione a KM 0, ed inoltre come si vedeva dal filmato delle iene mangiavano anche la carne adesso quasi bandita da tutti.......quindi Valerio concentrarsi ora sullo iodio non mi pare il caso anzi molte patologie tiroidee vengono dall'assenza di iodio nella dieta....adesso la situazione nell'isola sta cambiando in quanto le condizioni ambientali stanno peggiorando, i cibi iniziano ad essere qualitativamente più scarsi ed anche lì , vedrai fra qualche tempo, l'età delle persone si abbasserà di molto per la comparsa delle malattie tipiche dell'occidente.......grazie per la domanda
LeaLea pubblicato il 28 ottobre 2015 alle 18:12:
Dottore salve... ho letto che la colazione deve contenere anche la fonte proteica ma io di mangiare uova e prosciutto di prima mattina non riesco proprio, con cosa posso sostituirli? grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Gentile lettrice, si è vero la colazione deve contenere oltre alla frutta, fonte liquida ed ai carboidrati integrali, anche la fonte proteica la quale può essere variata a piacimento. Se non riesce a mangiare ne uova e ne affettati, una soluzione potrebbe essere quella di mangiare come fonte proteica della frutta secca, infatti ad esempio una manciata di noci e mandorle può costituire una valida alternativa ai derivati animali e rendere la colazione (insieme alle altre fonti alimentari citate in precedenza) completa.
LorenzoLorenzo pubblicato il 28 ottobre 2015 alle 18:08:
Veramente interessante questo forum, ho un problema di sovrappeso o meglio credo di averlo prossimamente vi chiederò consiglio... ho particolarmente apprezzato la spiegazione accurata per quanto riguarda la carne. a presto
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Lo studio Nutrilab ringrazia per i complimenti, siete stati davvero in tanti! Non esiti a contattarci in qualsiasi momento e per qualsiasi dubbio. Siamo contenti di aver fornito la spiegazione che cercava in merito all'argomento carne ad oggi molto attuale. A presto.
AnnalisaAnnalisa pubblicato il 28 ottobre 2015 alle 15:28:
Salve Doc, vorrei sapere se faccio bene mangiando a pranzo pasta con verdure e poi frutta mentre a cena solo un secondo, tempo fa ho seguito una dieta che era più o meno strutturata così ed ero un po dimagrita ma ho ripreso peso dopo poco tempo averla smessa. grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Cara Annalisa, grazie per aver aperto la chat di oggi! Allora le dico subito che per noi di dieta GIFT un pranzo ben equilibrato prevede il consumo di carboidrati integrali abbinati sempre a proteine e verdure; le spiego anche il perché da un punto di vista scientifico. Con questo abbinamento l'assorbimento dei nutrienti avviene più lentamente, di conseguenza abbiamo una miglior modulazione della produzione di quell'ormone chiamato insulina secreto dal pancreas in risposta ad un incremento glicemico. Quando abbiamo un eccesso di zuccheri nel sangue questi vengono convogliati al tessuto adiposo e stoccati come lipidi, quindi capiamo l'importanza dell'abbinamento già da qui, inoltre quest'ultimo ci permette di mantenere un prolungato senso di sazietà che si traduce in una minore necessità di consumare spuntini durante le ore pomeridiane. Inoltre il mio consiglio è quello di evitare di mangiare la frutta dopo i pasti in quanto potrebbe fermentare e causare gonfiore addominale; la frutta si può tranquillamente consumare lontano dai pasti principali o 20/30 minuti prima del pasto.
AndreaAndrea pubblicato il 27 ottobre 2015 alle 16:01:
La trasmissione televisiva "le Iene", in un servizio andato in onda nel 2014 e realizzato nella terra dei fuochi, ha illustrato come con una dieta ci si può disintossicare dai metalli pesanti. A loro dire, seguendo una dieta specifica si permette alla cellula di ripristinare la sua capacità di liberarsi dalle tossine e soprattutto dai metalli pesanti, e di conseguenza ridurre la possibilità di avere tumori. È vero tutto ciò, o sono fandonie? Il video è il seguente http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/toffa-con-una-dieta-ci-si-puo-disintossicare-dai-metalli-pesanti_519780.html
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve andrea, il video è stato realizzato dalle iene ed hanno intervistato il mio caro amico armando d'orta ....purtroppo la terra dei fuochi è una realtà grave ma come dico spesso, la terra dei fuochi non è solo in campania ma anche in altre zone come la calabria. Nel nostro studio facciamo il mineralogramma per vedere la quantità ed il tipo di metalli tossici per poi attraverso una dieta adeguata fatta di cerali integrali , frutta e verdura a km 0, di stagione e viva cruda e colorata si inteviene come primo step per poi passare ad una buona integrazione con cellfood e l'uso della zeolite
LauraLaura pubblicato il 27 ottobre 2015 alle 15:55:
Si in effetti bevo un caffè al volo e due biscotti al cioccolato ma non ho molto tempo la mattina... grazie mille
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Esatto la tua colazione è senza dubbio povera. So che al giorno d'oggi ricavare un po di tempo da dedicare a se stessi risulta sempre più difficile per via della vita frenetica che siamo abituati a condurre, però nel tuo caso sarebbe buona norma anticipare la sveglia di una decina di minuti in modo da dedicare a questo importantissimo momento della giornata più tempo; la colazione dev'essere incrementata e completa di frutta, fonte liquida, carboidrati integrali senza zucchero, fonte proteica. Vedrai che apportando queste semplici modifiche arriverai al pranzo senza essere affamata ed affronterai la mattinata con molta più energia!
AntonellaAntonella pubblicato il 27 ottobre 2015 alle 15:54:
Cosa comporta essere vegani o crudisti? Sul web spopola tale Valdo Vaccaro, sostenitore di queste teorie a mio avviso prive di fondamento e dannose.
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Gentile lettrice, in questi casi il discorso da fare sarebbe ampio ed ognuno ovviamente riporta sul web la sua filosofia di pensiero. Noi di dieta GIFT ci atteniamo alla teoria evoluzionistica dell'uomo che si trova in una posizione intermedia tra il predatore ed il vegetariano puro ma non solo; dati scientifici alla mano, le proteine che vengono assunte da chi è vegano o crudista spesso non sono sufficienti a bilanciare il carico di carboidrati della dieta. Le proteine vegetali non sono di elevato valore biologico e quindi non complete di amminoacidi essenziali. Molto spesso emerge dopo esame bioimpedenziomentrico che i pazienti che hanno deciso di intraprendere questa scelta risultano essere meno in salute rispetto a coloro che praticano un'alimentazione equilibrata e completa; sovente la pelle risulta più invecchiata e pallida, il loro aspetto più atonico, non mancano pazienti affaticati. Quindi quando si decide di intraprendere una scelta vegana o crudista bisogna stare attenti e monitorare la situazione eventualmente integrando ciò che nella dieta manca.
LauraLaura pubblicato il 27 ottobre 2015 alle 15:34:
Salve mi chiamo Laura ed ho 25 anni... ho letto i post precedenti e devo dire che mi avete un po tranquillizzata! cmq vorrei sapere cosa devo fare se a metà mattina mi viene troppa fame, perchè finisco per mangiare cioccolata o patatine (cose che riesco a trovare nei bar) e so che sbaglio ma non riesco a controllarmi. grazie
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Salve Laura, grazie per averci scritto! Per rispondere alla tua domanda bisognerebbe sapere quello che mangi a colazione, ma si può intuire dalla fame incontrollata di metà mattina che avverti, che la tua colazione risulta essere molto povera. La colazione che si fa subito dopo il riposo notturno, rappresenta lo stimolo primario di attivazione metabolica e dev'essere ricca, completa e saziante in modo da arrivare al pranzo senza essere affamati. In ogni caso qualora avvertissi lo stesso un po di fame, invece di mangiare junk food potresti optare per della frutta fresca magari da lavare e tagliare prima di uscire di casa preparando così uno snack semplice da portare in borsa e consumare ovunque ti trovi.
Staff Studio NutrilabStaff Studio Nutrilab pubblicato il 27 ottobre 2015 alle 15:02:
tutto chiaro il discorso della carne di ieri? Purtroppo il comunicato dell'OMS ha fatto spaventare tante persone ma si conosceva da tempo la pericolosità dei nitriti come conservanti dei salumi e della carne conservata, poi si conosceva da tempo la pericolosità degli estrogeni nelle carni ed inoltre si conosceva anche l'effetto della carne bruciata sul nostro organismo.......quindi non allarmatevi ma ragionate in quanto questo messaggio non sta facendo altro che incrementare le sciocchezze che si sono unite a questo discorso
Staff Studio NutrilabStaff Studio Nutrilab pubblicato il 27 ottobre 2015 alle 14:56:
Buon pomeriggio cari lettori; anche oggi ricordiamo che la chat è attiva. Via aspettiamo numerosi con le vostre domande!
ValerioValerio pubblicato il 26 ottobre 2015 alle 17:55:
Buona sera oggi l OMS ha dichiarato cangerogene le carni rosse conservate e non ...cosa ne pensate in merito? Altra domanda ho visto un video sul prof berrino che diceva che chi mangia troppe proteine ha le ossa più fragili .. più fratture!! Mentre chi mangia più verdure ha le ossa più forti !!
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Caro lettore, per quanto riguarda la carne vale la risposta che trova qua sotto nel messaggio precedente. Per quanto riguarda la seconda domanda ci basiamo per la nostra professione su lavori scientifici e non vedo il nesso biochimico tra le due cose; noi come regime alimentare, rispettiamo sia la normocaloricità e sia la normoproteicità ( un sedentario necessita di 1g di proteine per per kg di peso corporeo). E' vero che emergono continuamente studi scientifici differenti, quello che posso dirti è che al punto di vista fisiologico una corretta stimolazione dell'ipotalamo stimola l'ipofisi a produrre GH (growth hormone) il quale non solo aumenta la sintesi proteica favorendo la crescita del tessuto muscolare, ma promuove l'assorbimento di calcio favorisce la crescita del tessuto osseo. La stimolazione che da una corretta nutrizione all'ipotalamo è di fondamentale importanza è per questo che non possiamo condurre diete ipocaloriche, le quali portano solo ad una disregolazione di questo importante centro operativo quale è l'ipotalamo.
AngelaAngela pubblicato il 26 ottobre 2015 alle 17:11:
È confortante sapere che si possono ottenere dei risultati senza dover patire la fame!!! Mi sono incuriosita. Se possibile vi contatto per avere maggiori informazioni. Grazie per avermi risposto
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Grazie a te per aver chiesto! Certo contattaci quando vuoi siamo a tua disposizione.
FabioFabio pubblicato il 26 ottobre 2015 alle 16:39:
Dottore, cosa ne pensa di questo articolo? http://www.wired.it/scienza/medicina/2015/10/26/carne-lavorata-cancerogena/?utm_source=facebook.com&utm_medium=marketing&utm_campaign=wired
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Gentile lettore, inizio subito col dire che la carne riveste un ruolo centrale nelle abitudini alimentari, infatti non sei la prima persona a pormi questa domanda. E' vero alcuni studi permettono di affermare che un elevato consumo di carne rossa potrebbe determinare un aumento del rischio di sviluppare un cancro al tratto digerente, polmone ed utero; il rischio aumenta se pensiamo alla cottura troppo intensa della carne ed ai metodi di trattamento ai quali viene talvolta sottoposta. Tuttavia non mi sento di escludere dalla dieta questo importante e bilanciato concentrato di amminoacidi e fonte di ferro, zinco e selenio, nonché di vitamine del gruppo B. Se vista in un’ottica in cui il consumo non è esagerato, la provenienza controllata (rischio di allevamenti in cui si utilizzano antibiotici ed ormoni sugli animali, insaccati contenenti nitrati e nitriti), la carne presenta l’effetto benefico di ridurre l’impatto glicemico in un pasto dove sono presenti carboidrati.
AngelaAngela pubblicato il 26 ottobre 2015 alle 16:18:
Mi sembra interessante. Se non si basa sulle calorie introdotte, con quale principio si distribuiscono i cibi durante la giornata?
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Si direi molto interessante! Allora conseguentemente al fatto che bisogna fornire gli stimoli giusti all'organismo, la dieta GIFT prevede una forte colazione al mattino e soprattutto completa di frutta e delle varie fonti di carboidrati integrali e proteine, un pranzo equilibrato e saziante per poi giungere (senza fame) ad una cena leggera. Come vedi niente privazioni o diete da fame!
Angela  RutaAngela Ruta pubblicato il 26 ottobre 2015 alle 15:44:
Buon pomeriggio. Ho sentito parlare della dieta GIFT;volevo sapere, gentilmente, il significato della 'acronimo e su quali principi si basa questa dieta. Grazie in anticipo per la vostra risposta
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Gentile lettrice, innazitutto grazie per aver posto la prima domanda del forum. GIFT è l'acronimo di Gradualità, Individualità, Flessibilità e Tono. La dieta GIFT è un regime alimentare che basa i suoi principi sulla stimolazione naturale del metabolismo; quindi niente più diete ipocaloriche, niente più calorie ma imparare a nutrirsi bene ed in modo variegato senza dimenticare che il benessere ed il dimagrimento passano anche dall'attività fisica costante e giornaliera. Purtroppo il caos regna sovrano al giorno d'oggi e sappiamo che le diete ipocaloriche sono molto diffuse provocando non pochi danni alla salute.
AndreaAndrea pubblicato il 26 ottobre 2015 alle 15:37:
Vi seguo da tempo, avete aggiunto un ottimo servizio al sito.
Risposta da: Staff Studio Nutrilab
Siamo contenti che il servizio ti sia piaciuto e aspettiamo le tue domande.
Staff Studio NutrilabStaff Studio Nutrilab pubblicato il 26 ottobre 2015 alle 15:14:
Buon pomeriggio a tutti! Siamo connessi dallo studio Nutrilab per rispondere ai vostri dubbi... sentitevi liberi di scriverci quando volete.
Medicodonna

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato/a

Nome e cognome

Email