Il ruolo del biologo nutrizionista

Una sana e corretta alimentazione rappresenta il primo intervento di prevenzione a tutela della salute e dell’armonia fisica. Ai nostri giorni una vita frenetica, la mancanza di tempo e la sedentarietà contribuiscono ad avere un’alimentazione sbagliata e un corpo meno sano. Il ruolo del biologo nutrizionista è proprio quello di elaborare una dieta basandosi sulle esigenze del paziente, sul tempo che ha da dedicare alla preparazione dei cibi e alla consumazione dei pasti e, soprattutto, sul suo stile di vita. Il piano alimentare consigliato dal nutrizionista deve essere visto come una modifica delle proprie abitudini alimentari che porterà, col tempo, a dimagrire in modo sano ed equilibrato ed a migliorare il proprio stato di salute. Dobbiamo nutrire la massa magra, cercando di eliminare l’eccesso di massa grassa. A chi è rivolta la mia consulenza? A soggetti in sovrappeso che vogliono raggiungere un peso ottimale, a persone con rischio cardiovascolare, dislipidemie, malattie metaboliche, e altre condizioni patologiche accertate. Ad atleti e sportivi che desiderano migliorare le proprie prestazioni, a chiunque voglia migliorare il proprio aspetto fisico, lo stile di vita e le proprie abitudini alimentari. La visita nutrizionistica comprende l’esame bioimpedenziometrico ( mediante strumento Akern 101) che consiste nella valutazione della composizione corporea, ovvero riusciamo a sapere tanti dati utili che serviranno per formulare un corretto piano alimentare. L’esame bioimpedenziometrico consiste nel far passare, attraverso degli elettrodi posti sulla mano e sul piede,una corrente a basso voltaggio e attraverso i due vettori ottenuti, ovvero la resistenza e la reattanza, riusciamo ad avere i seguenti valori: massa grassa,massa magra, massa muscolare, massa metabolicamente attiva, acqua totale, acqua intra ed extracellulare e metabolismo basale determinato dal valore della massa magra. Poi la visita prosegue con le misurazioni antropometriche, ovvero la misurazione delle varie circonferenze corporee, per poi approfondire dove ritengo opportuno, con la calorimetria indiretta mediante calorimetro della Cosmed ( calcolo del metabolismo basale attraverso la VO2), oppure utilizzando un holter metabolico (armband mini) ovvero un potente sensore che viene posizionato al braccio del paziente e tenuto per 24/48 ore il calcolo del dispendio energetico totale. Inoltre eseguo , sempre quando ritengo opportuno una stratigrafia del grasso localizzata mediante adipometria mediante adipometro Hosand. La visita prosegue con una raccolta anamnestica, e attraverso la compilazione dei cibi più graditi al paziente insieme alla valutazione di come si sta alimentando il paziente nei giorni antecedenti alla visita, si inizia a costruire il suo piano alimentare personalizzato.

Dott. F. Garritano

347.2481194 – 392.0092540

www.studionutrilab.com

francesco.garritano1976@gmail.com

Commenti da Facebook

commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato/a

Nome e cognome

Email