Sei un nutrizionista e stai cercando un corso di formazione a Cosenza?

Corso di formazione per il nutrizionista.

Un importante corso di formazione svoltosi a Cosenza per il nutrizionista del futuro!

La NutriForm presenta una novità a Cosenza, il primo corso di formazione dedicato al nutrizionista che ama andare oltre! Scopri com’è stato vivere questa esperienza.

Il 19 Marzo 2016 ha visto l’avvio di uno dei fondamentali corsi di formazione: il “Corso base di ”Nutrizione e Medicina di Segnale” organizzato dalla nuova nata Nutriform e tenuto dal Dottor Francesco Garritano.

Dopo una breve presentazione del suddetto corso di formazione, il relatore entra subito nel vivo dell’esposizione evidenziando come l’intenzione della nutrizione, nell’ambito della medicina di segnale sia quella di stimolare correttamente l’Ipotalamo ad assolvere alla sua  funzione di direttore  d’orchestra che guida il dimagrimento mediante l’attivazione degli assi metabolici che portano al consumo  e non all’immagazzinamento dei grassi; dimagrimento che può essere ottenuto solo se nell’organismo si incastrano correttamente le tessere di puzzle (idratazione, sonno, attività fisica, masticazione, introduzione di cibi adeguati) ognuna importante se presa singolarmente, ma efficace solo associata correttamente alle altre.

       Perché questo corso di formazione a Cosenza è stato importante?

Il binomio cibo-aumento del peso corporeo è oggi sempre più rilevante visti gli ultimi dati Istat 2014 che evidenziano come questo sia in crescendo nella popolazione femminile ma anche in quella maschile, con netta prevalenza nel Sud Italia rispetto al nord, e con netta rilevanza aimè anche nella popolazione infantile dove si riscontra un 34% circa di bambini/e  tra gli otto e i dieci anni sono sovrappeso/obesi.

Uno corso di formazione di questo tipo apre le vedute e fa rendere conto della situazione generale.

Dopo una breve escursione sull’ampia varietà di diete più o meno fantasiose ed improvvisate che si sono nel tempo affiancate alle classiche diete ipocalorica, iperproteica e chetogenica, si passa ad una  esposizione sulle molecole segnale e sul loro meccanismo d’azione evidenziando la centralità del tessuto adiposo non più visto solo come un sacco da riempire di grasso, ma come un organo endocrino che secernendo  le adipochine ( leptina, adiponectina, resistina, visfatina e chemerina)  va ad interagire con l’ipotalamo

L’ipotalamo pertanto può, in base alla cronobiologia, alla qualità del cibo introdotto, alla qualità del sonno in associazione anche all’azione delle enterochine e delle miochine, ricevere una corretta attivazione; in presenza di una giusta idratazione dell’organismo, della calma insulinica e di un adeguato abbinamento dei cibi si ha dissipazione dell’energia sotto forma di calore  (e quindi dimagrimento anziché trasformazione in ATP ( molecola la cui energia è utilizzata nei processi di sintesi dei trigliceridi).

       Un corso di formazione per il nutrizionista del futuro!

Oggi l’obesità è considerata come una patologia infiammatoria, cioè come la risposta ad un infiammazione cronica di basso grado caratterizzata dalla produzione di citochine infiammatorie (IL-6, TNF alfa) con richiamo dei macrofagi; il marker più semplice per la sua identificazione è il riscontro dei valori di PCR.

Si è passati poi a parlare della relazione intercorrente tra DISBIOSI ed ingrassamento, cioè tra l’enterotipo (pool di specie batteriche predominanti nel microbioma umano) e l’aumento di peso: si è evidenziato infatti una correlazione tra Firmicutes; Actinobcteria  e Bacterioides che influenzano la massa grassa, l’insulino-resistenza e l’infiammazione a bassa intensità.

In ultimo molta parte del corso è stata riservata a spiegare il significato della dieta GIFT (Gradualità, Individualità, Flessibilità Tono) che basandosi sull’attivazione metabolica, sulla calma insulinica e sulla qualità degli alimenti introdotti,  in regime  di normocaloricità  e mediante l’applicazione delle dieci regole base permette un sano rapporto con  il cibo ed un sano dimagrimento duraturo nel tempo.

Staff Studio Nutrilab

 

Commenti da Facebook

commenti

Tags: articoli,

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato/a

Nome e cognome

Email